• Email Share
  • Email Share

logoTrivia

Attraverso un approccio che mira al diretto coinvolgimento dei partecipanti con esercizi e sperimentazioni fisiche e vocali, il laboratorio si incentrerà sul confine sottile e mutevole che intercorre tra l’atto teatrale e l’atto rituale. Tecniche mutuate sia dal teatro classico sia da quello di ricerca saranno fuse, grazie all’uso dell’immaginazione magica e della musica come supporto emotivo al rituale/teatro. Ci concentreremo sul concetto di ‘rito’ inteso non solo nel suo significato antropologico, ma soprattutto in quello magico e psicologico, poiché il regno dei simboli e delle convenzioni teatrali consentono, al pari di un atto magico, il disvelamento di parti celate di noi stessi. (E’ consigliato un abbigliamento comodo.)

Alice Lou Guarente

Attrice, attualmente laureanda in scienze umanistiche con una tesi in letteratura inglese su Aleister Crowley nel contesto della Modernità novecentesca, studia e pratica teatro da dieci anni; è direttrice artistica di una compagnia teatrale e segue un percorso di formazione presso il Teatro Tascabile di Bergamo. Si interessa da sempre di spiritualità e tradizioni magiche, in particolare nell’ambito del Neopaganesimo e della Wicca. La sua ricerca teatrale si concentra pertanto sui punti di contatto di riti e drammi sacri con l’atto performativo, attraverso un metodo di lavoro sperimentale che integra testo, sonorità e simboli: tra i risultati di questa ricerca, lo spettacolo “Cinque”, che sarà presentato a Giugno.

Marco Saxs Scotti

Musicista, studia da bambino pianoforte e solfeggio, da adolescente la chitarra, da ragazzo il sassofono, e da più di vent’anni si esibisce con varie formazioni nei contesti più disparati (il Blue Note di Milano, l’Obihall di Firenze, il Teatro Romano di Verona). Negli ultimi anni si è avvicinato alla Wicca, e all’uso rituale della musica. Elabora ed improvvisa sonorità per il teatro, utilizzando il potere mistico della musica come veicolo di emozioni e suggestioni.